Vede nero anche la Bce

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
lagarde

Non ci si attendeva molto da Christine Lagarde giovedì nel presser post Consiglio Ecb: nessuna modifica ai tassi e nessuna al Pepp, il Programma di acquisti, bassa crescita, molta incertezza in un generale senso di ottimismo. Il maggior interesse era sulle previsioni su l’evoluzione di inflazione e crescita e di come Lagarde li avrebbe commentati insieme al “linguaggio “utilizzato per argomentare – se mai – l’eccessiva volatilità dell’Euro.

Già nel gennaio 2018 la Bce aveva inserito nella sua dichiarazione iniziale che la alta volatilità del cambio sarebbe stata fonte di incertezza e richiedeva un attento monitoraggio per le possibili implicazioni sulle prospettive di medio termine e per la stabilità dei prezzi. Avevamo commentato in divenire qui sul blog già a inizio agosto che un eccessivo apprezzamento della valuta avrebbe potuto in qualche maniera ridurre i vantaggi ottenuti dalle operazioni di politica non convenzionale oltre che influire sulla competitività delle imprese europee. Quel che ci si poteva attendere era un qualche indizio per intuire in lontananza il nascere di una possibile guerra dei cambi, indizio che invece il presidente Lagarde si è ben guardata dal concedere mantenendo un linguaggio molto moderato ripetendo il mantra Ecb di sempre: il cambio non è un obbiettivo ma viene attentamente monitorato. A confermare che qualche cosa si dovrà fare, interviene oggi a il membro del board Villeroy rammentando che se è vero che Ecb non ha target sul cambio questo ha un ovvio peso su inflazione e direzione della politica monetaria.

Ma quel che si attendeva erano la visione dettagliata e le previsioni del capo economista Ecb Philip Lane preannunciate ieri da Lagarde in apertura di presser e apparse ieri sul blog di Ecb. Lagarde non è probabilmente il miglior banchiere centrale possibile confermando la tradizione della Ecb fatto salvo Mario Draghi, ma purtroppo non ha la sottile diplomazia del non detto. Non si limita a ripetere quel che il bravissimo e intellettualmente onesto Lane imposta ma “deborda” ogni tanto in affermazioni e Lane deve intervenire il giorno dopo a rimediare. Oggi a comprimere forse l’eccessivo ottimismo mostrato ieri da Lagarde, a marzo su quella che si ricorderà nella storia recente come la più maldestra dichiarazione di un banchiere centrale: “ we are not here to close the spread (non siamo qui per chiudere gli spread)”.

Abbiamo commentato la settimana passata il “caso” della inflazione headline negativa e di quella core ai minimi storici, ed è appunto su su quest’ultima e sulla dinamiche economiche della Ez (EuroZona) e delle politiche monetarie che Lane tratta nel suo intervento. Nel post di Lane tuttavia una dichiarazione iniziale per far capire subito la direzione del pensiero: “Non ostante l’evidenza che le politiche monetarie prese a marzo stiano dando un considerabile supporto alla ripresa economica, non c’è assolutamente spazio per esser soddisfatti” all’apparire della quale i mercati hanno reagito immediatamente: il Bund 10 anni – 6 punti base rispetto al massimo ottenuto ieri durante la conferenza stampa e gli azionari Europei più tranquilli rispetto alla buona salita sull’ottimismo di ieri.                                                                 fonte  https://www.nicolaporro.it/vede-nero-anche-la-bce/

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

La UIL esprime una valutazione positiva sulle nuove linee di

Ieri la Giunta per le immunità del Senato ha dato

Ottimo risultato per la giovane Francesca Baroni alle gare internazionali

16 settembre 2020 – ore 10:00 Pensilina Liberty (via Largo

Se nel 2018 sono stati 62 mila circa i cosiddetti

“La misura del distanziamento fisico, inteso come distanza minima di

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.