ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

«Venite a donare il sangue»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
donatori_sangue

Appello del Centro trasfusionale dell’Aou di Sassari che garantisce la sicurezza nelle sale d’attesa e in quella per le donazioni.

SASSARI – «Donare il sangue è sicuro anche al tempo del Covid-19». Lo dice il direttore del Centro trasfusionale dell’Aou di Sassari, Pietro Manca, che lancia un forte appello affinché «i cittadini riprendano come un tempo a svolgere questo importante gesto di solidarietà, in grado di salvare la vita». Ecco perché la struttura di via Monte Grappa fa fronte comune, assieme ad Avis provinciale e comunale, alla carenza di sangue. E lo fa tranquillizzando i donatori perché nel Centro di via Monte Grappa, così come all’Avis, vengono rispettate tutte le procedure e i criteri necessari per garantire assoluta sicurezza come, a esempio, il rispetto della distanza tra un donatore e l’altro. Accortezza che la struttura sta utilizzando sin dai primi giorni dell’emergenza Covid.

A destare forte preoccupazione, in questi giorni, è il calo delle presenze dei donatori, sia nel Centro Aou sia nei due centri Avis di Sassari. «Questa situazione – riprende Pietro Manca – ci ha messo in allerta. Bisogna considerare che le strutture ospedaliere si avviano verso la fase 2 dell’emergenza, si va verso la ripresa degli interventi chirurgici, non più di sola urgenza. Inoltre si va incontro alla stagione estiva, periodo nel quale vengono a calare ciclicamente le donazioni di sangue. Si intuisce quindi quale possa essere la forte necessità di sangue».

Il sangue e gli emocomponenti, oltre che consentire la vita a coloro che ne hanno costantemente necessità, sono un presidio terapeutico indispensabile per interventi chirurgici e trapianti d’organo così come per trattamenti farmacologici che possono curare e guarire alcuni tumori e leucemie.

Non calano le esigenze di sangue, in particolare quelle dei pazienti cronici come i talassemici, che continuano ad avere necessità del solito apporto trasfusionale. Sono oltre 1.000 i pazienti talassemici che in Sardegna necessitano di periodiche e continue trasfusioni, con un consumo annuo di oltre 47mila unità. In cura a Sassari, tra soggetti adulti e in età pediatrica, sono circa 130 i pazienti talassemici. Si aggiungono altre forme di malattie che richiedono trasfusioni, oltre a interventi chirurgici e i casi di infortunistica stradale.

«Stiamo privilegiando le prenotazioni – afferma il direttore del centro trasfusionale Pietro Manca – perché in questo modo siamo in grado di garantire i donatori e assicurare le giuste distanze sia in sala d’attesa, sia in sala donazioni. In questa fase, infatti, abbiamo deciso di dedicare 4 posti per la donazione, per evitare assembramenti e per venire incontro alle esigenze dei donatori».

In questo modo, inoltre, i donatori vengono suddivisi per fasce orarie ed è possibile contingentare gli ingressi e organizzare al meglio il flusso di lavoro da parte degli operatori sanitari.

Per le prenotazioni i donatori potranno chiamare, dalle 8 alle 14, i numeri 079.20.61.462 oppure 079.20.61.496. Dalle 15 alle 19 possono telefonare allo 079.20.61.625.

Per donare nella sede dell’Avis comunale è possibile chiamare lo 079,25,25,77 dalle 8 alle 14 e al numero di cellulare 370.14.34.967.

Per l’Avis provinciale, infine, è possibile consultare il sito www.avisprovincialedisassari.it per conoscere contatti e orari delle donazioni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

brusaferro

Diffusa circolazione varianti, attenzione “Siamo in una fase molto delicata

Il pallino sulle riaperture deve tornare alle Regioni, lo ripete

DOMANI I RAPPRESENTANTI DELL’ASSOCIAZIONE GARANTIRANNO CORRETTEZZA E TRASPARENZA DELLE PROCEDURE

Il presidente regionale di Confagricoltura attacca la politica e le

GENOVA – “Sofisticato attacco informatico” a Grandi navi veloci. Lo

bergonzoni

Borgonzoni commenta così i 30 anni della caduta del Muro.

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.