ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Verona, è morto Alberto Bauli: il re del pandoro aveva 80 anni

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
EfKvkCjXYAEAfFW

E’ morto a Verona Alberto Bauli. Il re del pandoro, deceduto a 80 anni, per oltre 25 anni è stato presidente del gruppo dolciario fondato nel 1922 dal padre Ruggero, ora con sede a Castel d’Azzano (Verona). Nel 2006 l’azienda ha acquisito il biscottificio trevigiano Doria, mentre nel 2009 ha rilevato da Nestlè i prodotti da forno commercializzati con i marchi Motta e Alemagna.

L’ingegner Bauli avrebbe compiuto 80 anni il 5 settembre; è stato per alcuni anni anche consigliere del Banco Popolare, ricoprendo la carica di presidente della Banca Popolare di Verona.

Ha portato l’azienda di famiglia a diventare leader in Italia ed Europa nei dolci da ricorrenza come pandoro, panettone e colombe e l’ha resa sempre più presente nel settore dei dolci continuativi, dai biscotti alle merendine, brioches e crackers, grazie anche all’operazione di acquisto dei marchi italiani della Nestlè (Alemagna e Motta) e di Doria e Bistefani.

Lascia la moglie Zina e i tre figli Carlo Alberto, Francesco e Chiara.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Mobilità: il 48% dei pisani si muove in bici, a

la The Morgan Library & Museum, nata come collezione privata

Pedro Sànchez, primo ministro della Spagna, qualche giorno fa sul

Scontro in arrivo per Imu e Tari. Il decreto Rilancio

costa

Il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, parlando delle zone bianche

trump

Perché non se ne tornano indietro e aiutano a sistemare

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.