Vigilianza privata senza contratto: i sindacati incontrano il prefetto di Perugia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
soldi

Paghe anche inferiori ai 5 euro lordi l’ora, che vogliono dire, quando va bene, nemmeno mille euro al mese, per un lavoro rischioso, che comporta in alcuni casi anche l’utilizzo di armi per garantire la sicurezza nei tribunali, ospedali, aeroporti, supermercati, fabbriche, aziende, banche, stazioni ferroviarie, condomini, di giorno e di notte. Un lavoro che è risultato ancora più importante nella fase pandemica, quando è stato necessario far rispettare i corretti comportamenti per tutelare la salute di tutti. Ecco perché lavoratrici e lavoratori della sicurezza e vigilanza privata chiedono ora il rispetto di un loro sacrosanto diritto: quello al rinnovo di un contratto nazionale scaduto ormai da 5 anni, Stamattina, i sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil,i che rappresentano quesi lavoratori nella provincia di Perugia (dove sono circa 1500 gli addetti del settore) hanno incontrato il prefetto Armando Gradone, al quale hanno evidenziato l’insostenibilità della situazione in essere. “Abbiamo consegnato al prefetto le buste paga dei lavoratori, per fargli capire di cosa stiamo davvero parlando. Paghe al limite della soglia di povertà, che sono intollerabili a prescindere, ma ancora di più a fronte della delicatezza e della pericolosità del lavoro svolto”. I sindacati hanno anche ricordato i vari episodi di aggressioni subite dagli addetti alla vigilanza, almeno tre solo negli ultimi mesi in provincia di Perugia. “Il rifiuto delle associazioni datoriali di rinnovare il contratto sta riducendo questo settore a una ‘giungla selvaggia’, nella quale livelli di concorrenza imbarbariti, appalti al massimo ribasso, ‘pirateria contrattuale’ e violazioni di norme per l’esercizio dell’attività si scaricano sulla vita delle guardie particolari giurate e degli addetti alla sicurezza. È tempo che il governo intervenga per mettere fine a questa vergogna”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

– “Adesso bisogna rilanciare le adesioni. La Uil chiede al

Cocaina regina: è la droga più utilizzata in Italia. Con

“La barca in balia della tempesta è immagine della Chiesa,

“Leggendo attentamente il testo dell’accordo, il gioco non sembra riuscito

Finisce in parità il primo round della semifinale di Coppa

Dagli 8.000 chilometri di coste del Belpaese arriva buona parte

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.