Violenza sugli animali, il Comunedi Piombino e le associazioni fanno rete per interrompere le aggressioni

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
animali

PIOMBINO (LI) – “È evidente, a seguito dell’ultima aggressione di stanotte, che non si tratta di un caso sporadico ma di uno o più soggetti che, con il beneficio delle tenebre, attaccano intenzionalmente i cani dei cacciatori”.

Il sindaco Francesco Ferrari e l’assessore alle Politiche animali Simona Cresci, a seguito dell’ennesima aggressione ai danni degli animali, hanno convocato una videoconferenza con le associazioni animaliste e venatorie.

“È necessario prendere provvedimenti quanto prima, sia per proteggere gli animali che per tutelare i loro proprietari. Abbiamo contattato il Prefetto così da chiedere una particolare attenzione sul caso da parte delle Forze dell’ordine, attivato la Polizia municipale e chiesto ai membri delle associazioni di prestare particolare attenzione a comportamenti che possano destare sospetto e riferirlo immediatamente a chi di dovere. Per la sicurezza dei liberi cittadini non è possibile mettere in campo azioni dirette ma è indispensabile fare rete e collaborare: le associazioni animaliste hanno dato disponibilità ad ospitare i cani di chi volesse trasferirli dalle zone interessate dalle aggressioni e stiamo valutando la possibilità di maggiori controlli da parte delle associazioni che dispongono del decreto prefettizio che ne autorizza i membri. È importantissimo essere uniti e collaborare affinché questi soggetti siano fermati: chi compie gesti del genere non può rimanere impunito”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Fino a domenica 12 aprile, giorno di Pasqua, un tenace

È tutta questione di… ipocrisia. Catania non è la perla

Big Five, le 5 vette dell’Alto Adige per scatti fotografici

Precisazioni della struttura di viale Italia. Dall’inizio della pandemia agli

A pochi giorni dalla decapitazione a Parigi di un professore

“Sta dissanguando il paese ritenendo, come nel Novecento, che ci

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.