ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Coprifuoco Italia, Galli: “Ho la nausea di questo discorso”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
galli

L’infettivologo del Sacco: “Quattro condizioni implicano movimento e contatti: una va sacrificata”

“Ho la nausea dei discorsi sul coprifuoco”. Lo dice Massimo Galli, direttore Malattie infettive dell’Ospedale Sacco di Milano, in collegamento con la trasmissione ‘Agorà’ su Rai3. “Io dico solo una cosa, nell’arco della giornata esistono quattro condizioni che implicano movimento e rimescolarsi della popolazione tutta: l’andare a lavoro o a scuola, lo stare a lavoro o a scuola con i contatti che si hanno, il tornare a casa, l’uscire la sera e avere relazioni e vedere gente”, spiega Galli.

“In tutte queste situazioni si hanno contatti e ci si mischia con gente diversa, con livelli diversi di precauzioni e secondo i comportamenti individuali. E’ evidente che se devi mantenere per forza le prime tre cose, che sono quelle che tengono in movimento il paese, finisci per doverne sacrificare o ridimensionare una, che comporta un rimescolamento di popolazione completamente diverso dalle altre tre”, rimarca l’infettivologo.

“Se si capisce questa cosa -prosegue-, si capisce perché si parla di limitazioni serali, in altre parole disincentivo a muoversi la sera, altrimenti andremo avanti a discutere all’infinito. Io francamente non sono né entusiasta né motivato a farlo, non dovrebbe essere difficile da capire ma se ci si vuole fare continuamente una polemica di tipo politico….”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il lussuoso Lough Erne Resort, situato nel cuore della regione

TRIESTE – Cinque grandi serate per il Festival Pianistico 2020

guardia di finanza

UEFA EURO 2020: LA GUARDIA DI FINANZA DI NAPOLI SEQUESTRA

“Sala in materia di coronavirus dovrebbe usare la decenza del

Dopo i positivi dati degli anni 2017 e 2018, che

Contattare le aziende che hanno indicato criticità nell’applicazione del protocollo

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.