ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Covid, Oms: “Forte probabilità nuove varianti più pericolose”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
oms

Il monito: “La pandemia non è affatto finita, forse nuove varianti saranno più difficili da controllare”. E sull’origine del virus si chiede la cooperazione della Cina

Non solo variante Delta: all’orizzonte, secondo l’Oms, potrebbe esserci infatti nuove varianti Covid più aggressive e più difficili da controllare. “Nonostante gli sforzi nazionali, regionali e globali, la pandemia” di coronavirus “non è affatto finita. Continua a evolversi, con 4 varianti di preoccupazione che dominano l’epidemiologia globale”.

E viene riconosciuta come “forte” la “probabilità” che in futuro emergano e si diffondano globalmente “nuove varianti di preoccupazione, forse più pericolose e ancora più difficili da controllare”, il monito lanciato dal Comitato di emergenza convocato dall’Organizzazione mondiale della sanità sotto le International Health Regulations (Ihr). E’ l’ottavo meeting del Comitato che si tiene da quando è iniziata l’emergenza Covid-19. L’incontro si è tenuto ieri e oggi ne sono stati diffusi i contenuti attraverso i canali Oms.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

clima

La temperatura media globale viaggia verso un aumento di 1,5

Geotermia, Romoli (FI): “il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti

Avviare un percorso condiviso tra enti locali, Regione Lombardia e

sardine

“Salvini arriva alla pelle delle persone? Ci sono due modi

frecce

2 Giugno, le celebrazioni del 75° anniversario della Repubblica Italiana

Come già sollecitato all’inizio di questa legislatura, nell’azione di governo

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.