ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Da giorni sentiamo parlare con sempre maggiore insistenza della “terza dose” del vaccino

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
viola

Come se fosse una scontata necessità alla quale bisogna prepararsi

In realtà di scontato non c’è proprio nulla. Prima di tutto non sappiamo ancora quanto duri la protezione offerta dalle due dosi (o dalla dose unica nel caso del vaccino di Johnson&Johnson). Quello che sappiamo con certezza è che, a 9 mesi dalla vaccinazione, le persone sono ancora protette. In assenza di dati e con un virus poco conosciuto, lanciarsi in previsioni sembra invece piuttosto complicato, in quanto non conosciamo bene la risposta immunitaria che conferisce protezione all’infezione o, come si dice in termini tecnici, non sono ancora del tutto chiari i “correlati immunologici di protezione”.

Certamente il titolo anticorpale è importante, ma se anche nel tempo dovesse calare, questo non significherebbe necessariamente che non siamo più protetti dal nostro sistema immunitario. I vaccini funzionano stimolando la formazione di cellule della memoria, pronte a intervenire e produrre nuovamente anticorpi, qualora dovessimo entrare in contatto con il virus. È quindi possibile che proprio la presenza del virus nella nostra vita quotidiana mantenga alto il nostro livello di anticorpi, andando a riattivare il sistema immunitario anche in assenza dei sintomi dell’infezione. Una delle ipotesi più probabili è che proprio la continua esposizione a un Sars-CoV-2 divenuto endemico, e meno pericoloso grazie alla campagna vaccinale, sia l’elemento determinante per il mantenimento di una sorta di immunità post-pandemica”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

ROMA – La UIL – Unione Italiana del Lavoro in

saviano

L’odio antisemita è sempre esistito, ma la politica sovranista lo

saviano

Condannato un anno e sei mesi il boss del clan

Pubblicati i risultati clinici di Fase III del farmaco, il

NAPOLI- “La posizione del Governo è stata ferma e forte

MILANO  – Via libera da Regione Lombardia alla delibera per

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.