ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

FEDERLUS – di Paolo Grignaschi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
ghisolfi

Federazione delle Banche di Credito Cooperativo
del Lazio, Umbria, Sardegna
di Paolo Grignaschi
(Direttore Generale di Federlus)

Tratto da “ Lessico Finanziario “ di Beppe Ghisolfi – ARAGNO Editore

Il versante associativo del credito cooperativo

La FEDERLUS – Federazione delle Banche di Credito Cooperativo del Lazio, Umbria, Sardegna – con sede a Roma, in Via Adige 26, è una delle quindici Federazioni Locali del Credito Cooperativo che svolgono, a livello provinciale, regionale e interregionale, la propria attività al servizio delle Banche di Credito Cooperativo (BCC), delle Casse Rurali (CR) in Trentino e delle Casse Raiffeisen in Alto Adige. In particolare, due Federazioni Locali operano a livello provinciale (Province di Trento e Bolzano), quattro a livello interregionale (oltre alla Federlus, Piemonte-Valle d’Aosta Liguria, Abruzzo e Molise, Puglia e Basilicata) e nove a livello regionale (Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Marche, Toscana, Campania, Calabria e Sicilia). In totale, le quindici Federazioni locali associano, al giugno 2017, 313 BCC-CR. Le Federazioni Locali sono, poi, a loro volta, socie di Federcasse – la Federazione Nazionale delle BCC-CR –, insieme alla quale costituiscono il cosiddetto “versante associativo” del Credito Cooperativo. La FEDERLUS, considerata l’area territoriale di operatività delle proprie Associate, è la più estesa delle Federazioni Locali. Venne costituita, con il nome di Federazione delle Casse Rurali ed Artigiane del Lazio-Umbria
– Società Cooperativa a Responsabilità Limitata, l’11 marzo 1967 da 17 Casse Rurali ed Artigiane, diventate, dopo pochi mesi, 34, tutte con la qualifica di socio fondatore. Successivamente, con l’adesione, nel 1990, della Cassa Rurale ed Artigiana di Arborea, la Federazione estese il proprio ambito di attività alla Sardegna, modificando, quindi, la propria denominazione sociale in Federazione delle Casse Rurali ed Artigiane del Lazio, Umbria e Sardegna, divenuta, nel 1995 (a seguito dell’entrata in vigore, con il Decreto Legislativo n. 385 del 1° settem- bre 1993, del Testo Unico Bancario, che “trasformava” le Casse Rurali in Banche di Credito Cooperativo), Federazione delle Banche di Credito Cooperativo del Lazio, Umbria, Sardegna – Società Cooperativa a Responsabilità Limitata. Il progressivo aumento della complessità della gestione delle BCCCR ha determinato un costante sviluppo delle attività delle Federazioni Locali e di Federcasse al servizio delle stesse, in special modo dal 2000 in poi. La FEDERLUS, al fine di promuovere la sana e prudente gestione delle Banche di Credito Cooperativo associate, opera per favorirne lo sviluppo e rafforzarne la stabilità, promuove coerenti relazioni tra le stesse e ne valorizza l’agire nell’interesse dei Soci, dei loro clienti e delle comunità di riferimento. Svolge, infatti, attività istituzionali e di rappresentanza, tra cui la tutela degli interessi sindacali delle Associate, anche in occasione della stipu- la di contratti integrativi di lavoro o accordi economici nonché delle vertenze individuali e collettive, attività di promozione, attività di compliance, assistenza, consulenza e formazione, dirette a fornire le conoscenze più aggiornate e la disponibilità di idonei strumenti operativi, nonché attività di internal audit e di verifica, compresa la revisione svolta per i Fondi di Garanzia del Credito Cooperativo, di cui la Federazione è articolazione territoriale. Inoltre, in base ad un’apposita convenzione con la Federazione Nazionale, svolge la revisione cooperativa delle proprie Associate. Con la promulgazione della Legge dell’8 aprile 2016 di conversione con modificazioni del Decreto Legge del 14 febbraio 2016, n.18 e la ivi contenuta previsione di adesione obbligatoria di tutte le BCC, CR e Casse Raiffeisen al nuovo istituto del Gruppo Bancario Cooperativo, il “versante associativo” del Credito Cooperativo è divenuto oggetto di una forte discontinuità e, in futuro, molte delle attività sviluppate in questi anni dovranno essere eseguite dalle Capogruppo dei Gruppi Bancari Cooperativi, che dovranno essere costituiti entro il 2018. Esistono, però, molte altre attività che potranno continuare ad essere sviluppate in ambito associativo nell’interesse di tutto il Credito Cooperativo. Un campo in cui la Federlus si distingue particolarmente è quello dell’educazione finanziaria. Alla Federlus si deve, infatti, la creazione di Orizzonti TV – la prima Web TV italiana per l’educazione finanziaria – che ha ricevuto importanti riconoscimenti a livello istituzionale e che rappresenta un punto di riferimento nel settore. Ciò grazie anche a preziose collaborazioni esterne, tra le quali quella con Paolo Mieli, giornalista, storico e saggista, che cura ormai da anni diverse rubriche di storia economica, e con Beppe Ghisolfi, con il quale è stata sviluppata una versione video del suo best seller, il Manuale di educazione finanziaria.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

L’elenco dei Viceministri e Sottosegretari del #GovernoConte certifica la debolezza,

Intervenuti il Presidente Acri Francesco Profumo, la Parlamentare Europea Irene

COVID-19, GESAP APRE ALLA CASSA INTEGRAZIONE STRAORDINARIA FINO A 260

«Perché loro no?» Se lo chiede Forza Italia dove ‘loro’

frattoianni

Alla #sanità territoriale solo 7 miliardi in 6 anni, meno

Roma – “Nella Giornata mondiale per ricordare le vittime dell’amianto,

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.